Skip to Content

About: Gianluca Castrini

Recent Posts by Gianluca Castrini

Le tendenze Digital Marketing del 2019

Prima settimana di Dicembre, mancano solo 30 giorni alla fine dell’anno ed è quindi tempo di parlare dei trend del futuro, in questo momento vicinissimo, in ambito Digital Marketing.

Se nel settore digitale è difficile fare previsioni, possiamo comunque tracciare quelli che secondo fonti attendibili saranno i trend sui quali puntare:

  • Voice Search: secondo Google la ricerca vocale è in crescita e a partire dai prossimi anni sarà sempre più importante studiare risorse per chi cerca attraverso query vocali. Le ricerche vocali sono molto più rapide e immediate e le frasi usate sono diverse da quelle che verrebbero usate digitando. Chi si occupa di SEO dovrà concentrarsi su un linguaggio semplice e diretto, frasi brevi e basate su un lessico quotidiano per il target, uso di liste puntate quando necessario e analisi delle keyword per capire cosa vuole il pubblico. Ovviamente cambierà anche il lavoro dei tecnici che lavorano sulla struttura dei siti.

 

 

  • Usabilità dei siti: sarà essenziale rendere i portali rapidi e semplificati per dare alle persone cioè che cercano e per adattarsi alle esigenze di un mobile che si avvicina sempre di più al 5G.
  • Ruolo immagini: con Google Lens il ruolo delle immagini è diventato sempre più importante. Oggi puoi fare una foto ad un oggetto e inviarla a Google sotto forma di query. Le immagini, soprattutto grazie alla navigazione da mobile, comunicano più rapidamente: il cervello umano può identificare immagini viste per soli 13 millisecondi (ricerca del Massachusets Institute of Tecnology).

 

  • Live Chat e Chatbot: fondamentale per chi ha un e-commerce, la chat permette agli utenti di parlare live con l’operatore di un sito web. L’uso della chat è aumentato negli ultimi anni, passando da un 38% nel 2009 ad un 65% nel 2015, questo perchè incrementa le conversioni, aumenta le vendite online, migliora la user experience, migliora la brand reputation e aumenta i tempi di permanenza sul sito. Un altro programma in crescita consiste nella ChatBot, un software capace di conversare e interagire con gli utenti con un linguaggio naturale. Utilissimo per l’attività di Customer Care nelle aziende, può diventare utile anche nella comunicazione interna.
0 0 Leggi articolo completo →

Come fare Digital Marketing nel settore turistico

Anche il settore turistico è in continua evoluzione e si sta adattando alle abitudini degli utenti del web in costante mutamento. Il marketing tradizionale non è più sufficiente: il rapporto tra il settore turistico e quello del marketing passa soprattutto per le piattaforme social e per le strategie sempre più attente a sviluppare un dialogo tra brand e utente. Già nel 2016, secondo un sondaggio condotto da Travel Weekly che mostrava i principali approcci di marketing utilizzati dagli agenti di viaggio per attirare nuovi clienti negli Stati Uniti, è emerso che il 67% degli intervistati usava i social media, e questo dato non ha fatto altro che aumentare negli ultimi tempi.

Per questo, se gestite una struttura alberghiera, un ristorante, un ente turistico, un’agenzia di viaggi avrete sicuramente bisogno di rivedere la vostra strategia di marketing: nel settore travel, ancora di più che in altri settori, ciò che fa la differenza è puntare sul Marketing Esperienziale con immagini ad alta qualità, situazioni/scenari coinvolgenti sui Social, facendo leva sui ricordi, sui sogni e sull’immaginario comune degli utenti per ispirarli a vivere un’esperienza unica. Si tratta di vendere l’esperienza più che la struttura in sè, con copy avvincenti e immagini da sogno che evochino i benefici e raccontino una storia! I clienti  oggi si aspettano, quando prenotano un viaggio o scelgono un ristorante, di vivere un’esperienza indimenticabile, da condividere e raccontare agli amici, soprattutto attraverso i Social, per questo la vostra presenza su questi canali è fondamentale per poter essere coinvolti e interagire con gli utenti.

Inoltre, avete mai pensato di sfruttare l’influencer marketing? I dati dimostrano che ricorrere alle Digital PR incrementa di circa 5,2 volte l’efficacia della propria campagna marketing. Vi è mai capitato di scoprire una destinazione di viaggio meravigliosa attraverso i social media? Se la risposta è sì, è probabile siate stati ispirati da un travel Influencer. È proprio grazie all’ autenticità delle opinioni dei Travel Blogger che altri utenti della rete prenotano voli, viaggi, hotel sentendosi forti delle raccomandazioni dei loro Influencer di fiducia.

Non dimenticate, che prima di compiere qualsiasi azione di promozione della vostra struttura è fondamentale  che il vostro sito web sia pronto sotto ogni aspetto pratico e operativo. Quindi, migliorate l’aspetto e il posizionamento del vostro website e poi iniziate le attività di promozione online.

Se il vostro obiettivo è quello di aumentare il profitto della vostra attività, contattateci per una consulenza! info@shock-wave.it

 

0 1 Leggi articolo completo →

Social Media e Halloween: come creare una strategia di marketing da paura!

Halloween è alle porte…avete già pensato a come inserirlo nella vostra strategia di Marketing? Sì perchè, al giorno d’oggi, le ricorrenze sono al 80% business e al 20% tradizione. Halloween dà ai marchi un’occasione in più per vendere, un po’ come il Natale o San Valentino.

I marchi che negli ultimi anni si sono “arricchiti” grazie a questa festività sono senz’altro quelli del settore Food&Beverage: Coca ColaBurger KingHeineken, ad esempio, sono tra i colossi che hanno creato campagne social e strategie pubblicitarie vincenti. Quindi, se anche voi volete imitare i Big per migliorare l’engagement, sfruttate il real time marketing durante Halloween.

0 0 Leggi articolo completo →

Content is (still) the king

Content is the king“…questo è il mantra di noi copywriter sin dal 1996, anno in cui questa frase venne pronunciata per la prima volta da Bill Gates.

Ma oggi è ancora sufficiente creare buoni contenuti per vincere la guerra dell’audience e per comparire primi nelle pagine dei motori di ricerca e per far crescere il proprio business? L’evoluzione del modo di comunicare che abbiamo vissuto negli ultimi anni ci permette di dire che, pur disponendo del miglior contenuto, la mancanza di una strategia e di app e strumenti in grado di emergere nel nuovo scenario tecnologico può bloccare la crescita di un’azienda.

Oggi, quindi, il dovere di chi si occupa di Marketing Digitale è quello di trovare la propria audience, “portare il contenuto dinanzi ai giusti lettori nel momento opportuno e nel posto opportuno” e di utilizzare le metodologie e gli strumenti di analisi che il web mette a disposizione.

Alcuni consigli?

0 1 Leggi articolo completo →

Mobile-First: il vostro sito è pronto?

Google ha rimescolato ancora una volta le carte in tavola: vi abbiamo già parlato dei molti fattori analizzati dal motore di ricerca Google che influenzano il posizionamento in rete di un sito. Ma il web è in continua evoluzione e Google in particolare.

L’ultima novità è l’indicizzazione Mobile-First: oltre la metà degli utenti ormai effettua l’accesso ai contenuti online da smartphone ma fino ad oggi i sistemi di indicizzazione e classificazione dei siti hanno sempre utilizzato la versione desktop del contenuto di una pagina. Per evitare che questo causasse problemi agli utenti che navigano solo o molto spesso da mobile, Google ha deciso di utilizzare la versione mobile della pagina come quella principale su cui effettuare la classificazione del contenuto.

0 1 Leggi articolo completo →

Come prepararsi al Black Friday: la nostra mini guida

Se il Black Friday fino a qualche anno fa era considerato un fenomeno solo negli USA, negli ultimi tempi, il venerdì nero è diventato una tendenza anche in Italia. Per i pochi che ancora non lo sapessero, il Black Friday è il più grande giorno dedicato allo shopping e ai super saldi e che quest’anno cadrà il 23 Novembre, segnando l’inizio dello shopping pre-natalizio.

Sapevate che più del 55% dei consumatori decide di fare acquisti sia online che in-store proprio in occasione del Black Friday? Bene, allora è tempo per i brand di iniziare a pianificare la propria strategia di comunicazione per un Black Friday di successo.

Quali sono le mosse giuste da compiere per essere pronti e preparati e distinguersi  nella folla della concorrenza durante il giorno dei mega sconti?

0 0 Leggi articolo completo →

Le tendenze di foto editing per un profilo Instagram di successo

E’ ufficialmente iniziato l’autunno… le  vacanze estive sono ormai solo un ricordo da rivivere attraverso la gallery dell’iphone. Le foto preferite, poi, sono destinate anche ad essere condivise sui profili social. Se volete trasformare il vostro account Instagram in un feed degno di un influencer, scaricate tutte le migliori app per il foto editing e leggete il nostro articolo per scoprire quali sono gli effetti e i preset più di tendenza.

0 1 Leggi articolo completo →

Per un’azienda ha ancora senso realizzare il sito web ?

La domanda è volutamente provocatoria, perchè la risposta è solo una. SI, ha sicuramente senso realizzare il sito web. Il sito internet contribuisce ad ampliare, nel tempo, la visibilità prima e la notorietà poi di un’azienda, favorendone il successo sul mercato.

Questo risultato richiede però una particolare cura ed attenzione nel progettare e realizzare il sito della propria azienda (non solo come layout grafico).

0 0 Leggi articolo completo →

E’ meglio vendere di più oppure avere nuovi clienti ?

Per la tua azienda è meglio vendere di più oppure è meglio avere nuovi clienti ? Potresti rispondere di getto affermando:” meglio avere nuovi clienti, così vendo di più“. E’ corretto ?

Sembra una domanda semplice, invece nasconde un tranello. Si, perchè si potrebbe dedurre che vendere di più, coincida solamente con l’avere nuovi clienti. Tu cosa ne pensi ?
Siamo davvero sicuri che per vendere di più serva solamente aumentare il numero di nuovi clienti oppure, grazie a strategie di (web) marketing, possiamo cercare di aumentare le vendite ad esempio creando un legame duraturo con chi è già nostro cliente ?!
Ciò significa mettere in campo strategie NON intercettabili dalla concorrenza. Lo sapevi ?


Affermare che lo scopo del (web) marketing è quello di vendere, portando in azienda nuovi clienti, non è propriamente corretto. Più giusto dire che fa vendere di più. Cosa significa ? Tradotto vuol dire che, sebbene la lead generation sia una parte fondamentale della strategia di ogni azienda, si può anzi si DEVE, vendere molto di più ai clienti “acquisiti”. Perchè ?


Un aumento di pochi punti percentuali della fidelizzazione, può incrementare sensibilmente la redditività della vostra azienda. Inoltre la probabilità di vendita con clienti già esistenti può raggiungere il 60% e oltre rispetto al 5-20% di probabilità con nuovi clienti.

  • Il cliente acquisito già ci conosce ed il suo processo d’acquisto, nei nostri confronti, è sensibilmente più breve rispetto ad un nuovo cliente che ha invece un iter di valutazione sicuramente più lungo (è ancora alla ricerca di chiarimenti) e dunque più costoso (per noi) in termini di tempo e risorse dedicate.

 

  • Ogni 60 secondi vengono caricati sulla Rete moltissimi e differenti contenuti. I nostri sono come una goccia nel mare. Diventa perciò più complicato farsi leggere da tanti, se non “sponsorizzando” i nostri articoli. E’ invece molto più facile e soprattutto economico che ci legga (es. mail, social post,…) o ci ascolti, chi già ci conosce. Non credi ?

 

“IL MIO PRODOTTO E’ COSTOSO, NON E’ RIACQUISTABILE NEL BREVE”

Questa potrebbe essere una riflessione di chi propone prodotti o servizi costosi, ad esempio, le concessionarie. “Vendiamo auto, un prodotto con un costo impegnativo per cui il cliente, anche se si è trovato bene, non è pronto ad acquistare una nuova auto nei giro di poche settimane o mesi. Ha senso costruire un funnel retention o percorso di fidelizzazione ?Certamente !

Creare un legame nella fase post acquisto (non solo in occasione dei tagliandi programmati …), insieme alla sua customer experience vissuta con l’azienda in precedenza, non fa altro che rassicurarlo e gratificarlo ancor più per la scelta fatta.

Questo aspetto (emotivo) lo porta a voler condividere con i suoi contatti, l’esperienza vissuta con la concessionaria. Ci tiene a far sapere che si è trovato bene e vuole consigliarli. Vuole essere d’aiuto ad altri (sappiamo ormai quanto i consigli “disinteressati” pesino e influenzino le scelte altrui).

Il cliente diventa, de facto, un medium cioè uno strumento di comunicazione indipendente da quelli gestiti dall’azienda (sito web, pagina social, brochure, radio, riviste, …). Assume il ruolo di micro influencer, punto di riferimento per altri potenziali clienti.

CREA UN LEGAME CON I CLIENTI, AVRAI UN’ARMA POTENTE CONTRO LA CONCORRENZA

Creare un legame costruttivo con i tuoi clienti vuol dire anche mettere in atto una strategia (di marketing, di comunicazione e commerciale), ignota ai tuoi concorrenti.

Poniamo che la tua azienda svolga varie attività di marketing (off line e on line). Queste, essendo visibili, sono in un certo senso, “copiabili” dalla concorrenza. Ciò vuol dire purtroppo che, in parte, riescono a vedere ciò che fai, cosa, quando e come lo promuovi. Quindi potresti essere, tuo malgrado, la fonte d’ispirazione della loro prossima strategia di marketing.
E’ un dato di fatto !

C’è invece una parte della tua strategia di (web) marketing, che può portare un’interessante redditività alla tua azienda e che la concorrenza non vedrà e non ti potrà MAI copiare. Rimarrà sempre nascosta ai loro occhi ed è tutto ciò che rientra nella strategia Funnel di fidelizzazione (creare un legame).

Bene, ora hai scoperto che hai un modo efficace per “tutelare” gli sforzi e le risorse dedicate alla tua strategia di (web marketing), nell’intento di ottenere risultati crescenti, evitando in tutto ciò, che la tua concorrenza sia li pronta a copiarla o prenderne spunto. 

Se lo desideri possiamo costruire insieme il tuo funnel post vendita blindato !

 

0 0 Leggi articolo completo →

Un cliente nuovo (non) è per sempre tuo. Fidelizzalo !

Parafrasando una famosa pubblicità che diceva “...una diamante è per sempre !“, possiamo affermare (contrariamente a quello che in molti pensano), che: “un Cliente NON è per sempre” ! Fidelizzalo.

Se il sig. Verdi in settimana ha acquistato per la prima volta un nostro prodotto o servizio, è certamente un cliente che ha raggiunto la fine del funnel di vendita, ma non è nostro, non è un cliente che possiamo dare per scontato, messo nella “rete”.
E’ solo un cliente che, dopo aver raccolto informazioni, ha scelto noi ed il nostro prodotto per soddisfare un suo bisogno, punto !

La nostra azienda però ha la necessità di vendere oggi, domani, la settimana prossima, il prossimo mese ed i prossimi anni. Per cui, passata la gratificazione per la vendita effettuata, la domanda che dovremmo porci è la seguente:


“Visto che il sig. Verdi ora ci conosce e ha provato il nostro prodotto,
come posso fare in modo che continui ad acquistare da noi anche in futuro?”


La risposta a questa domanda è ( in apparenza) molto semplice: non dimenticandosi di lui !

La Strategia di Fidelizzazione

Certamente il suo livello di experience vissuta con il nostro brand, dal primo contatto sino all’acquisto finale e incluso anche la soddifazione percepita utilizzando il nostro prodotto (servizio), influisce molto sulla possibilità che acquisti nuovamente da noi, ma ciò non basta più !

Una volta che ha pagato, non ce ne dobbiamo dimenticare. Dobbiamo fare in modo che si ricordi di noi nel tempo, creando e consolidando nella sua mente la nostra miglior immagine possibile. Quindi tutto ciò che concretamente ne consegue, in termini di iniziative ed attività off line e on line, prende il nome di Strategia di fidelizzazione (o Customer Retention).

Cliente vs Cliente Potenziale

L’errore più frequente è quello di investire tempo e risorse per acquisire un nuovo cliente dal nulla e poi una volta che ha acquistato, non dedicargli più la dovuta attenzione e proseguire solamente nella ricerca e acquisizione di nuovi cilenti.
Cioè il pensiero è più o meno questo (ovviamente non in tutte le situazioni): “Il sig. Verdi ha acquistato i miei prodotti, ora ci conosce, per cui non serve dedichi a lui altre risorse, meglio concentrarsi sull’acquisizione di nuovi clienti”.


Agire invece su un cliente che ha già acquistato da noi, risulta essere almeno 5 volte più profittevole rispetto al ricercare sempre nuovi clienti.
Detta in altri termini, vendere a chi già ci conosce è molto più facile e decisamente meno costoso !


Perchè ? Qual è la differenza sostanziale ?
Semplicemente perchè sa chi siamo. Conosce i nostri prodotti, conosce i nostri servizi. Ha sperimentato direttamente la fase d’acquisto con noi, per cui è più pronto di altri ad effettuare altri acquisti dei nostri prodotti.

Questo non vuol dire che l’attività di lead generation deve essere limitata (deve anzi essere ottimizzata e rinnovata sempre), ma rischiare di perdere vendite future solo perchè al termine della vendita il cliente viene, in certo senso abbandonato, è anti-economico.
Questo però è quello che spesso succede. Infatti l’esigenza più ricorrente è quella di sviluppare la lead generation per la propria azienda. Rarissime sono le situazioni in cui vengono richieste attività di customer retention o fidelizzazione. Forse perchè vengono considerare (erroneamente) attività superflue ?

Funnel Customer Retention

Perciò dopo la prima vendita deve partire un nuovo funnel di mantenimento dei clienti, che noi abbiamo chiamato Funnel Customer Retention e che (in funzione del tipo di prodotto e di mercato), contiene una strategia di (web) marketing customizzata. Questa da ai clienti:

  • una percezione più elevata del brand (differenziandolo dalla concorrenza);
  • la motivazione per acquistare ancora in futuro i nostri prodotti/servizi;
  • la qualifica di “micro influencer”, ossia punto di riferimento per i clienti potenziali (tramite le loro recensioni e feedback).

 

Il (web) marketing, realmente orientato al cliente, non necessariamente porta nuovi clienti,
può portare invece nuove vendite ! 

Nella tua azienda come stai coordinando il rapporto con i clienti acquisiti ?
Hai sviluppato un nuovo funnel oppure il tutto è lasciato in gestione alla rete commerciale ?

 

 

 

 

0 0 Leggi articolo completo →

 

Recent Comments by Gianluca Castrini

    No comments by Gianluca Castrini